Lettera dopo le Convocazioni a Loppiano

LETTERA DEL VESCOVO

A TUTTI I FEDELI

 

Al termine delle Convocazioni diocesane desidero sinceramente ringraziare il Signore che ci ha permesso di vivere insieme questo significativo evento di Sinodo aperto. Lo ritengo un dono prezioso per la nostra Chiesa.

Un grazie sincero a tutti i partecipanti, venuti assiduamente anche dalle parrocchie più lontane. La presenza numerosa e attenta è stata per tutti motivo di reciproco incoraggiamento e costituisce un’efficace stimolo a proseguire con il medesimo entusiasmo anche nelle future Convocazioni vicariali. In particolare poi è stata ammirevole la costanza dei tanti laici, che ha permesso a tutti di poter beneficiare delle loro specifiche competenze e di contribuire notevolmente all’esito positivo degli incontri.

L'ascolto degli altri esige pazienza, ma costruisce consenso, favorisce la concordia, aiuta a interpretare meglio il presente e getta luce verso il futuro. L’ascolto degli altri aiuta anche a saper ascoltare se stessi.

Soprattutto il dialogo reciproco è sempre una autentica esperienza di Chiesa, secondo la Tradizione più  genuina, trasmessa fin dalle prime generazioni cristiane. Durante queste sere abbiamo vissuto insieme la raccomandazione dell’antico adagio, testimoniato da S. Cipriano e già presente agli inizi del II secolo negli scritti di S. Ignazio di Antiochia: Niente senza il vescovo, niente senza il consiglio dei presbiteri, niente senza il consenso del popolo. Non la volontà proibitiva per mettere limiti alla libertà, ma l’indicazione costruttiva su come intendere e vivere la libertà nella Chiesa, in modo che nessuno abbia a restare inascoltato. “Chi ha orecchio ascolti ciò che lo Spirito dice alla Chiesa”, ci ricorda l’Apocalisse. Nella Chiesa, mistero di comunione, l’orecchio si tende insieme, in modo che ciascuno possa beneficiare dell’ascolto degli altri e che tutti possano accogliere i suggerimenti dello Spirito Santo.

Bello anche avere posto attenzione sull'importanza del lavoro! Un argomento che ci fa aprire gli occhi e il cuore su tante famiglie e su tante sofferenze, che ci fa toccare con mano tanti sforzi e tante fatiche, tante buone pratiche. La riflessione sul lavoro giusto per tutti impegna la nostra coscienza di cristiani per essere sentinelle accorte nel favorire il diritto al lavoro come diritto alla dignità e alla integrazione sociale. Non possiamo restare indifferenti.

Appena saranno pronte le sintesi di quanto è emerso nei singoli gruppi, verranno pubblicate nel settimanale diocesano La Parola insieme alle relazioni introduttive e potranno essere scaricate dal sito della diocesi, in modo da renderle fruibili per la riflessione personale, per le convocazioni vicariali e per gli incontri di formazione nelle parrocchie. Raccomando a tutti di porvi attenzione. Si tratterà di sintesi aperte: più che conclusioni di incontri avvenuti saranno rilanci per gli incontri da fare. Stiamo vivendo un Sinodo aperto…

Rinnovo a tutti la mia gratitudine. Un grazie particolare ai facilitatori che hanno guidato i gruppi e a tutti gli organizzatori che hanno collaborato con il Vicario generale. Un grazie ai volontari delle parrocchie che, davvero “con gusto”, hanno preparato il ristoro: la pausa-ristoro non è stato un tempo sottratto al dialogo, ma un momento privilegiato di incontro, un laboratorio fecondo di amicizie e di relazioni.

Un grazie speciale, infine, a tutti a coloro che, impossibilitati a intervenire, ci hanno accompagnato con la preghiera: un contributo non meno prezioso di quello offerto da chi è stato presente.

 L’appuntamento è per le Convocazioni zonali. Grazie fin da ora a chi si sta già impegnando per organizzarle e a tutti color che vorranno continuare e concretizzare in loco il cammino da proseguire insieme. Arrivederci a presto. A Dio piacendo ci incontreremo ancora. È un Sinodo aperto… Lo Spirito del Signore ci indichi i passi da fare e ci doni la grazia per compierli bene.

 

Fiesole, 20 Ottobre 2017

                                                                                                                               + Mario

Diocesi di Fiesole

P.tta della Cattedrale, 1
50014 Fiesole (FI)
tel e fax: (+39) 055 59242
C.F: 94004010487

Questo sito fa uso dei cookie soltanto per facilitare la navigazione

Per saperne di più vedi: INFO

Non mostrare più

Informazioni sui cookie

I Cookie sono porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell'erogazione del servizio .
Questo sito utilizza soltanto cookie tecnici, che hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al suo funzionamento:
  • Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione e migliorare l'esperienza di navigazione dell'Utente;
  • Cookie analytics, che acquisiscono informazioni statistiche sulle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;
  • Cookie di funzionalità, anche di terze parti come Google, Facebook, Twitter , Youtube, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.
Questi cookie non necessitano del preventivo consenso dell'Utente per essere installati ed utilizzati. In ogni caso l'Utente ha la possibilità di rifiutare i cookies modificando le impostazioni del browser.
Per altre informazioni vai alla pagina informazioni legali di questo sito.